Milano City Marathon, 11 aprile 2010
Maratona.pngSono tornato da dove ero partito. Due anni e mezzo fa la mia prima maratona, a Milano. Oggi mi ritrovo con un personale che mai mi sarei aspettato quando ho iniziato questa avventura. Non sono certo un veterano in questo tipo di gare, ma per la prima volta ho vissuto qualcosa di completamente diverso dalle altre corse. Meno cuore e più testa. Molta meno approssimazione e più calcolo. Gli imprevisti possono sempre esserci e ci sono stati, ma nulla è andato fuori controllo. E poi sempre emozioni, che quando le difese mentali e fisiche si abbassano, cercano di fuoriuscire come fiumi ingabbiati. Basta poco per sentirsi vivi, per godere di piccoli attimi, anche solo di un sorriso, di una stretta di mano, di una pacca sulla spalla. Poi viene la parte agonistica. Questa volta ero molto più concentrato su me stesso, sul passo, sulle forze. Concentrato sul percorso senza farmi distrarre nemmeno dai soliti incivili (per fortuna quest'anno veramente pochissimi) che non sanno lasciare spenta un'auto per una mattinata di vero-sport. Ma tutto questo non si può capire se non si è stati anche solo spettatori di una Maratona. Ed io ve lo consiglio. Per capire cosa veramente voglia dire sacrificarsi per uno sport senza prendere miliardi. Per capire cosa veramente voglia dire tifare per qualcuno, ma anche per chi gli sta davanti e dietro. Io continuo a ripeterlo e non smetterò mai di farlo. Dopotutto se hai corso una maratona tutto il resto poi è più facile. Segue »

Milano City Marathon 2010


La sveglia è suonata alle 5.30. Correre a Milano è un vantaggio perchè sei a casa, ma c'è il rovescio della medaglia che ti costringe ad alzarti un po' prima visto che la partenza non è di fianco all'albergo. Passano a prendermi papà (regista e fotografo ufficiale), mamma (alla sua prima maratona) e Antonella (sue compagna di corsa). Fuori il tempo non è dei migliori. Per tutta la settimana ho pregato e sperato che il weekend fosse coperto al limite anche piovoso, ma che non ci fossero i venti gradi dei giorni precedenti. Ma la sorpresa di nuvoloni carichi di pioggia e spinti da un vento freddo e incessante non me la sarei mai aspettata. La temperatura è piuttosto rigida, ma non si può pretendere la perfezione. Sulla metropolitana che ci porta verso Rho alla partenza, incontro tantissimi altri come noi con tuta e borsa-deposito. Il viaggio non è dei più rilassanti, in piedi già due prima della partenza e a tratti pressati come sardine. Quando fuoriusciamo in zona Fiera ad attenderci un vento gelido. Il cielo sembra aprirsi, ma la temperatura è decisamente bassa. In attesa di portarmi alla partenza mi rifugio dentro ad una tenda-spogliatoio stracolma di gente e con tutta calma mi cambio. Soliti odori e soliti discorsi che ormai conosco. Diversamente dalle altre volte però sono tranquillo. So che la tabella che seguo è perfetta per la mia preparazione ed avendola seguita giorno per giorno non posso non essere fiducioso. Prima di spostarci alla partenza facciamo qualche foto di rito, racchiusi nei cellophan dell'immondizia che ci regalano un po' di tepore. Sulla strada trovo Massimo e Vito, miei compagni di squadra alla Martesana Corse. Cerchiamo i nostri cancelli per l'entrata nelle gabbie della partenza e ci salutiamo. Già dall'ordine e dai controlli lungo i cancelli mi accorgo di quanto l'organizzazione sia stata attenta a tutti i dettagli della corsa. Non c'è pssibilità di sgarrare finalmente. Accompagnati dalle parole dello speaker e sempre in balia del vento dopo qualche minuto c'è lo sparo che dà il via.

Ci impieghiamo poco più di un minuto a passare sotto il gonfiabile della partenza. Davanti a noi un serpentone di tifosi e giornalisti ci dà la carica. Io e Massimo siamo fianco a fianco. Seguiamo i pacemaker delle 3h 30', nostro obiettivo. In realtà sarei ben lieto anche solo di fare meglio di Firenze. Ci accorgiamo subito che il passo è abbastanza alto, molto al di sotto dei circa 5 min/Km che dovremmo seguire. La prima parte di gara è completamente in periferia, tra strade in campagna, qualche paese e qualche statale a doppia carreggiata. Forse un po' troppo stretto il tratto riservato e transennato per  un gruppo di corridori così compatto. Qualche dolorino compare subito, soprattutto alla schiena visto che il giorno prima ho lavorato in giardino. Cerco di non farci troppo caso e scaccio i pensieri. Entrando a milano verso il 10 Km l'atmosfera cambia. Qualche sporadico gruppo di tifosi ogni tanto cerca il proprio beniamino. Ritorno su strade che conosco, costeggiando il Parco di Trenno e la zona di San Siro come nella DeeJay Ten e intanto conto i chilometri in attesa del quattordicesimo dove so di trovare i miei tifosi. Avvicinandomi al semaforo di Lampugnano già in lontananza vedo Sara che agita cappellino e occhiali per sapere se ne ho bisogno e papà con telecamera e macchina fotografica in posizione. Saluto, linguaccia e via.
Inizia la parte secondo me più monotona della gara verso il Castello Sofrzesco. Solo sei chilometri, ma pesanti. Strade anonime e soprattutto una fastidiosissima aria fredda che ad ogni incrocio soffia lateralmente. Ogni due chilometri e mezzo non mi lascio sfuggire ristori e spugnaggio. Massimo è sempre con me e stiamo qualche decina di metri più avanti del gruppone delle 3h 30' per stare più larghi e non doverci preoccupare di rischi di cadute e sorpassi poco ortodossi. Qualche piccolo dolore nuovo compare e scompare ad intermittenza tra gambe e spalle. Quando in vista del velodromo sbuchiamo in Corso Sempione, sfilando appena prima il cartello dei 39 Km che diventerà reale solo al secondo giro, ritorno su strade conosciute e appena percorse qualche settimana prima alla Stramilano. A pochi chilometri di distanza l'uno dall'altro sono disseminati piccoli palchi con gruppi che suonano a tutto volume e ci accompagnano incitandoci nelle nostre fatiche. Appena prima del 20 Km cominciano invece a sentirsi le urla di incitamento per l'arrivo alla Mezza Maratona e del secondo gruppone di scambio della Relay-Marathon, la staffetta 10x4 per la prima volta a Milano. Uno stuolo di gente applaude e ci dà una carica incredibile al nostro passaggio. La scarica di adrenalina fa aumentare subito il passo. Poco prima del passaggio alla nostra mezza Massimo incontra la propria scorta in bici. Passiamo sotto il gonfiabile con il cronometro che segna 1h 43' 47", ritmo che solo poco tempo fa tenevo solo per i 21 Km. Comincia qualche piccola salita e discesa attorno ai bastioni di Porta Venezia e le subisco. Poco dopo quasi per caso incontro invece Mathias, appena partito per la sua mezza. Ci scambiamo quattro parole mentre ci incamminiamo verso Piazza San Babila. So che poco più avanti ci saranno ancora i miei, ma comincio a sentire le gambe pesanti. E siamo solo attorno al 24 Km. Il passaggio in centro città porta molti spettatori lungo le transenne. Il sole ogni tanto prova a farsi intravedere tra le nuvole che ancora viaggiamo veloci sospinte dall'aria fredda che in più di un'occasione ci troviamo ad affrontare in senso contrario. Sotto il Duomo non è la Madunina ad incitarci, ma ancora Sara e papà. Sorriso, linguaccia e via. E' incredibile la forza che dà il solo sapere dove incontrare i propri angeli-custodi. So che è solo una questione di testa, ma tanto basta. Infatti appena sorpassati, mentre giriamo lungo Piazza Duomo, la sensazione di pesantezza aumenta. Capisco che è ora di far fronte ai rifornimenti e, anche se avrei voluto tenerlo per qualche chilometro più avanti, apro il primo gel. Ho subito una sensazione di benessere e posso passare ancora sorridente dalla parte opposta della piazza dove Sara e papà si sono velocemente spostati. Sorriso, linguaccia e via. Massimo sembra stare meglio di me, mentre Mathias ci saluta preferendo non tenere un ritmo di gara così alto. Ogni tanto qualcuno con un passo un po' troppo veloce ci sorpassa e rimango sorpreso. Poi invece capisco che sono gli staffettisti, riconoscibili anche dal bracciale colorato che hanno al polso.
Il ritorno verso Porta Venezia è la parte dove comincio a fare un po' più di fatica. Mi sembra presto per essere in crisi e comincio a pensare forse di non riuscire più a tenere il ritmo o addirittura di poter arrivare alla fine. Ma è solo una questione mentale. Non decelero. Anche i primi crampi cominciano a farsi sentire e una volta instradati sulla circonvallazione interna ritorniamo nuovamente sul percorso della Stramilano. Non so per quanti altri valga lo stesso, ma il fatto di correre lungo vie che conosco mi aiuta tantissimo per valutare sia le distanze tra i vari punti di riferimento sia le forze. Rinvigorisco e riprendo controllo pienamente sia delle mie forze che della testa.
Davanti alla Bocconi il terzo cambio di staffetta. Una folla urlante ci accoglie come sempre. Ancora una volta mi stupisco di quanta energia riesca a passarti. Mi rendo conto di avvicinarmi al 32 Km dove solitamente la mia vera crisi è in agguato. Coscientemente apro il secondo gel cercando di combattere preventivamente il cedimento fisico. Nel passaggio sui Navigli intravediamo una maglia della Martesana Corse e riconosciamo Andrea. Piano piano ci avviciniamo mentre lui rallenta e dopo poco lo passiamo, proprio nel punto che temevo di più. Ma... nessuna crisi. Nessun cedimento. Anzi un piccolo strappetto prima della Darsena fa cedere Massimo che rimane poco dietro di me. La salita mi segna un po' le gambe rallentando il passo, complice il passaggio sui lastroni dissestati lungo l'alzaia. Da qui in poi non mi volto più in dietro fino all'arrivo dei 42,195 Km né per vedere dove si trovi Massimo né per vedere dove sia il gruppo dei pacemaker delle 3h 30'.
I crampi cominciano a farsi sentire più forti sul retro-coscia mentre del dolore alla schiena che temevo di più all'inizio non c'è più traccia. Ristori e spugnaggi sono delle vere oasi, ma più che un rifocillamento mi servono come rinfresco. Un sorso e nulla più. Mi riprendo bene e sento di potercela fare. Anche il cronometro non mi preoccupa sapendomi ormai avanti di qualche centinaia di metri dai palloncini. La testa cerca qualche appiglio per non crollare e la mente va da sola a trovare le sue motivazioni. So di non essere solo. Ogni tanto gli occhi mi diventano lucidi ma reagisco per non crollare psciologicamente. Sorrido e lascio poi che siano acqua e sudore a fare scivolare tutto via.
Lungo alcune vie verso la zona di San Vittore coperte dal vento il sole di mezzogiorno si fa sentire pesantemente. Il passo è più che buono e al di là di ogni mia aspettativa. Sento di aumentare gradatamente con un ritmo intorno ai 4' 50" al chilometro. E pensare che solo due anni fa era il rtimo che a fatica mantenevo nella mezza. Certo la fatica ora si legge in faccia dove il sorriso e le smorfie non trovano più posto. Prima di circumnavigare la vecchia Fiera di Milano incontro per l'ultima volta Sara e papà. Sara mi offre la bottgilia d'acqua che le avevo affidato per il finale ma non ne ho bisogno, mentre mio papà mi rincorre telecamera alla mano come un inviato di Striscia. Questa volta nessun sorriso, nessuna linguaccia. Solo un cenno. E concentrato li supero.
Proprio mentre sto per arrivare allo spugnaggio del 37,5 Km mi accorgo di quella che può considerarsi l'unica vera crisi di questa impeccabile Maratona. Da un secondo all'altro mi accorgo che incoscientemente rallento di colpo il passo, come se il fisico non volesse più andare oltre. Come da uno spavento mi scrollo e prontamente reagisco. Riprendo subito il passo che avevo e sfilo l'ultima dose di gel rimastami in tasca. Pensavo di non averne più bisogno. E' stato solo un attimo, velocissimo e poi sono di nuovo in corsa. Vedo il Velodromo e so che ormai siamo alla fine. Ripasso il cartello dei 39 Km incontrato un'ora e mezza prima e mi reimmetto lungo Corso Sempione guardando davanti a me la cima del Castello Sforzesco. La musica delle casse di Radio DeeJay mandata a tutto volume lungo tutto il rettilineo mi da un po' fastidio, ma soprattutto è il rettilineo stesso a sembrare non finire mai. Poi è solo una corsa verso il traguardo.
Aumentano le transenne, aumenta la gente che applaude ed urla. Aumenta il ritmo di corsa inconsciamente anche di solo qualche secondo. Qualcuno cede e si butta a terra invaso dai crampi. In tanti camminano. Lo sguardo fisso in avanti, un sorriso strizzato. So che Sara è già in postazione prima dell'arrivo ma non so dove. Dopo il passaggio sotto il gonfiabile dell'ultimo chilometro è un trionfo. Molto meglio dell'arrivo di Roma o Firenze. Una folla festante e urlante applaude mentre lo speaker li intrattiene. E' già passata più di un'ora dall'arrivo dei top-runners ma ognuno dei presenti aspetta il suo e incita gli altri, soprattutto quelli più in difficoltà. Sento Sara urlarmi qualcosa mentre le passo davanti poi c'è solo il traguardo. Finalmente risorrido, saluto chi dall'alto è stato con me e mi ha aiutato e taglio la linea d'arrivo con l'ultima linguaccia. Il cronometro segna 3 ore 26 minuti e 12 secondi. Solo mentre cammino mi accorgo di quanto sono andato oltre il ritmo che mi ero imposto. Più avanti vedo Raffaella, neo-compagna di squadra e amica di Luisa e la saluto. Praticamente abbiamo fatto lo stesso tempo con solo qualche secondo di scarto.

Mentre vado a ritirare la mia più che meritata medaglia guardo quelli che sono attorno a me. C'è chi non sta più in piedi e chi ha bisogno di qualche cura medica. Gli sguardi sono stravolti. Ma più di tutto è la felicità di avercela fatta e di essere arrivati che si scorge negli occhi di chiunque. La soddisfazione di aver vinto una battglia contro sé stessi, da soli o con l'aiuto di altri. E quella medaglia che si stringe tra le mani racchiude tutti i mesi ed i chilometri di sacrificio che ci sono dietro a quei soli quarantadue di giornata. Ripenso alla mia di corsa. Ripenso alle mie precedenti maratone e mi sembra qualcosa di incredibile, non tanto per il personale ma per come è arrivato. Fisicamente, nonostante i dolori muscolari e gli indolenzimenti, mi sento bene e soprattutto di testa mi rendo conto di aver avuto sempre il controllo. Ritiro la borsa che avevo lasciato a Rho e mi siedo sull'erba per cambiarmi. Aspetto Sara che so che arriverà. Quasi non mi sembra vero che ancora una volta sia finita, ma so che di certo non sarà l'ultima. Ormai l'autunno è alle porte.

La mia Maratona di Milano in numeri:
Pettorale: 4245
Posizione: 952 (su circa 7000 partecipanti)
Tempo di gara finale: 3h 27' 19"

Passaggi:
Km 10: 49' 04" [5' 01"]
Km 21: 1h 43' 47" [4' 55"]
Km 30:  2 h 27' 26" [4' 54"]
Km 42: 3h 26' 12" [4' 49"]

Pubblicato Lunedi 12 Aprile 2010 - 15:31 (letto 1687 volte)
Comment Commenti (12) Print Stampa

avatarDa: sconosciuto Data: Lunedi 12 Aprile 2010 - 16:46

Grande Dario !:bier:
Massimo

avatarDa: TuQ Data: Giovedi 15 Aprile 2010 - 17:26

Grande tu che alla prima maratona sei sotto le 3h 30"!! whistle

avatarDa: Brandon Data: Mercoledi 11 Aprile 2012 - 05:50

cheap bridal gowns cheap bridal gowns Morgan wedding ceremony dresses wedding ceremony dresses

avatarDa: Brandon Data: Giovedi 14 Giugno 2012 - 08:45

fake watches fake watches, Jackson, fake omega watches fake omega watches

avatarDa: Brandon Data: Mercoledi 20 Giugno 2012 - 12:36

fake watches for sale fake watches for sale, rose, fake cartier fake cartier

avatarDa: Brandon Data: Venerdi 18 Gennaio 2013 - 05:15

brautkleider fabrikverkauf brautkleider fabrikverkauf, William, [img]http://www.birthdress.net/images/thumbnails/dress-11/MX9739.jpg[/img]

avatarDa: yunhu Data: Mercoledi 27 Febbraio 2013 - 11:14

plus size dresses Rodney bridesmaid dresses

avatarDa: yunhu Data: Lunedi 08 Aprile 2013 - 15:57

Robe De Marie ``

avatarDa: Shanquan43 Data: Lunedi 20 Maggio 2013 - 15:14

reduce friction is granted Patent No 2013 mother of the bride dresses . 315161 1956Creation of the First autonomous quartz clock. 1958On July 31, the firm Patek Philippe is accorded Patent No. cocktail wedding dresses 331592 for a system of adjustable fixing of the hairspring t the balancecock. 1958Henri Stern is appointed President and General Manager of Patek Philippe, Geneva. 1958Creation of a prototype wristwatch with linear minute and hour indicator (not made in series). Patent No. 338402. This watch in 18k gold with bracelet has a rectangular horizontal shape, Movement No. 977121, 990 caliber, Gyromax balance. 1958The masterwatchmaker Andre Bornand Modifies the rectangular caliber 34 S and fits in with a 57hour power reserve, 50seconds Tourbillon regulator with Guillaume balance, bronzeberyllium cage, weight of 1 plus size wedding dresses ,018 grams including escapement, 21'600 oscillations per hour. Five of these

avatarDa: Shanquan43 Data: Martedi 10 Settembre 2013 - 13:49

buying shoes online Reporter Wu Wei Group lately noted the function of PHS enterprise has entered the countdown to delisting,Christian Louboutin Yotruche 70 python impact pumps, the stability of subsequent 12 months,Louboutin for sale, tariffs will likely be instantly transferred towards the PHS 3G account. China Telecom Shanghai yesterday to a reporter inquired about issues associated for the organization was knowledgeable that,Chrsitian Louboutin Attractive Sling Glittered Stiletto Nude, as at current,wholesale, China Telecom hasn't but acquired authorities departments around the wants of PHS people in January one 2013 for processes for withdrawal network needs. China Telecom because the backbone from the nationwide substantial telecommunications corporations,Christian louboutin outlets, cheap louis vuitton shoes will carry on to create PHS buyer services and retain the reliable rights and interests of customers of PHS network.discovered the PHS small business isn't only the operation of China Telecom, christian louboutin shoes cheap Louboutin sales and profits, China Unicom also operates connected companies

avatarDa: Shanquan43 Data: Lunedi 23 Settembre 2013 - 04:17

colored wedding dresses Shanghai,Christian louboutin very hot sale, because the final 1 to enter the metropolis of PHS in 2003, the very first carried out inside the suburbs Phone Quantity,Christian Louboutin Lady Glitter Slingback Gold, formally getting into the town in Could 2004, bohemian wedding dresses Phone Quantity in Shanghai location. Tens of thousands of Australians have their travel plans disrupted by lost and delayed baggage every year, in spite of improvements in luggage handling by airlines and airports globally. Australias quantity 1 on-line travel insurer Travel Insurance Direct stated luggage loss, harm and theft represented the greatest single category of travel insurance claims, accounting for about 40 per cent of total claims. Travel Insurance Direct Common Manager Ian Jackson stated much more than 25 million bags had been mishandled last year in airports globally, of which about three.four per cent had been by no means reunited with their owners. Mishandled luggage was 24 per cent lower than the prior year thanks to much better handling systems blue wedding dresses , but nonetheless

avatarDa: Shanquan43 Data: Mercoledi 09 Luglio 2014 - 11:45

of a set of monstruous Wilson WattPuppy powered by two gigantic monophonic KRELL amplifiers every using the energy requirement of a third globe county swiss replica tag heuer watches. Yes, the type that causes your belt buckle to lounge towards your speakers each and every time you turn up the volume. Yep, simultaneously your nearby Energy Plant Manager is perplexed in the sudden drain of a gazilion watts, for no explainable cause. Then it's most likely that you're dead anyway because the speakers most likely removed all of the iron inside your physique by now. But wait! There's one supply that's frequently overlooked. replica watches for sale Do you cook? Are you currently one from the new wave of self produced master Chefs? By any opportunity, do you occur to personal one of those super contemporary INDUCTION kitchens? Yes? Then you're in difficulty. The primary principle behind induction is magnetism. replica audemars piguet millenary watches When you have a compass at house you can attempt and bring it close for your induction plate and see if North continues to be exactly where it s supposed to become. Needless to say that I cook with out my watch on my wrist, suggest you do exactly the same. Mori lee prom dresses 20 collection has been merely the extension of her voguish signature style prom gowns cheap replica watches . Obviously the duds are developed maintaining in view the most recent prom trends 20 plus sizes wedding. In reality irrespective from the designer ladies dresses the gears are nicely recognized for subtly incorporating the in style trends is not it. Therefore leading edge Mori lee prom collection as well isn't a deviation. Therefore you are able to appear forward to dress up as stylishly and fashionably. In reality it's this cutting edge dernier cri that's effortlessly conspicuous within the designer prom dresses which has been encouraging girls to go for the extremely prom collection 20 wedding invitation sayings. So in case your prom evening is just round the corner then right here will be the array for the type consideration. For your additional gladness herein the prom dresses are categorized on the basis of particular dashing 20 prom dresses trends. This really is particularly relevant maintaining in view the reality that even when the dresses are nicely beyond your spending budget nonetheless you are able to take a clue from the prom attire dresses for summer. This really is so because performing so can go a lengthy way in getting you obtaining stitched a dream prom dress. So with this concept right here we go… Vibrant Lengthy Prom Gowns Although once the conventional wedding dresses can go brief to assume the shape of brief wedding dresses however nonetheless you will find stretching gowns which are ruling the heart of girls for prom nights in 20. With regards to Mori lee prom dresses you just won't be disappointed using the accessible varieties in it when it comes to silhouette, colors and detailing. So really it's as much as you to go for the genuine ball gown prom dress patterns or the mermaid prom dress. The later prom dress patterns vogue will



Le ultime notizie relative a questo argomento

Read XXVII Firenze Marathon, 28 novembre 2010 (30/11/2010 - 13:02) letto 2055 volte

Tutte le notizie relative a questo argomento
Maratona.png
Calendario
Data: 16/10/2019
Ora: 11:27
« Ottobre 2019 »
Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30 31
Facebook


Sondaggio
Nessun sondaggio attivo in questo momento:
vecchi sondaggi

Cerca
Ricerca parole o frasi all'interno del sito.

Login





Non sei ancora registrato?
Registrati ora!
Recupera password

Utenti
Persone on-line:
0 amministratori
0 utenti
1 ospiti

Statistiche
Visite: 439981